Skip to main content
Eventi aperti - CMP

30 settembre LIBRI AL CENTRO: Specificità e trasformazioni del setting nel lavoro con gli adolescenti

Nell’ambito dell’iniziativa “Libri al CENTRO

 

 

 

 

 

VENERDI’ 30 SETTEMBRE 2022 (evento online – h. 21)

il Centro Milanese di Psicoanalisi e il Centro Adriatico di Psicoanalisi
PRESENTANO

SPECIFICITÀ E TRASFORMAZIONI DEL SETTING NEL LAVORO CON GLI ADOLESCENTI

Maria Cristina Calzolari, Andrea Mosconi e Annalisa Da Pelo
DIALOGANO con
Cinzia Carnevali, Paola Masoni, Daniela Marangoni
curatrici del libro

Adolescenti Oggi.
Multidimensionalità dei fattori terapeutici: clinica psicoanalitica ed estensione a Gruppi e Istituzioni (Alpes, 2022)

INTRODUCONO E PRESENTANO LA SERATA Simonetta Bonfiglio e Paola Vizziello

SCARICA LA LOCANDINA

COME PARTECIPARE – Evento online:
Partecipazione gratuita fino ad esaurimento posti su prenotazione inviando una mail a info@cmp-spiweb.it entro e non oltre martedi 27 settembre. Riceverete per tempo il link per il collegamento via Zoom

Il libro si propone attraverso l’attività clinica di riconoscere e valorizzare la relazione analitica che intercorre fra adolescente e terapeuta sia negli aspetti inter-psichici che intrapsichici, integrando le diverse componenti del gruppo familiare e del gruppo Istituzionale, quando l’adolescente sia seguito anche dai Servizi territoriali ampliando la costruzione di un contenitore accogliente, duttile e creativo. Prende in considerazione la trasformazione del setting terapeutico evidenziandone gli sviluppi sul piano teorico clinico, per una presa in carico con interventi differenti e integrati. Di recente il lavoro con gli adolescenti, le famiglie e il gruppo Istituzionale ha portato a sviluppi sia dal punto di vista teorico che clinico, che consentono una presa in carico dei giovani pazienti con interventi differenti e integrati. L’ascolto psicoanalitico, l’attività di rêverie, l’attenzione al controtransfert ed ai processi inconsci, possono portare ad un feedback verso il conosciuto non pensato, a rendere dicibile l’indicibile e a poter narrare con fiducia traumi psichici riguardanti anche la trasmissione transgenerazionale producendo trasformazioni identitarie, all’immagine di sé e alla qualità degli oggetti interni.