Skip to main content
Il fatto scelto

Per la rubrica NOTIZIE DAL DIVANO: “La caduta” di Anna Ferruta

Per la rubrica NOTIZIE DAL DIVANO: “Qualcosa da condividere
di Anna Ferruta

Queste settimane sono state segnate da assenze: in una certa ora il lettino resta vuoto, come pure l’appuntamento consueto con alcune persone, per motivi di lavoro, per abitudini amicali. Mi fanno sapere che sono cadute, procurandosi fratture varie, al polso, alla caviglia, al ginocchio. Spesso si tratta di  microfratture accadute in modo del tutto casuale, camminando, scendendo un gradino, svolgendo attività sportiva, che tuttavia provocano impedimenti nello svolgersi della vita quotidiana.

E penso: la caduta… guardo il lettino vuoto… quell’atterraggio costituito dall’holding della cura analitica forse non è abbastanza saldo e sicuro. Ma che cosa nell’esperienza umana del nostro tempo può essere sentito più sicuro? Un leader carismatico che chiede di affidarsi a lui e promette, se  eletto, di potere distendersi e dormire sonni tranquilli… un ritorno alla natura allevando cuccioli di animali di piante e di uomini, rigettando le complicazioni tecnologiche? Ma…

Allora cambio prospettiva e penso a un desiderio di toccare terra. Qual è la terra che l’impatto della caduta tenta di far percepire? Forse qualcosa di solido e condiviso con altri, un senso di appartenenza essenziale, che si cerca di raggiungere e toccare comunque, anche se in quel momento ce se ne stava distaccando, correndo ‘altrove’ per poi sentirsi attratti da una forza gravitazionale comunitaria invano contrastata.