Skip to main content
Genitori-figli

COSCIENZA di Claudia Balottari

COSCIENZA (continua)
di Claudia Balottari

 

“E’ la coscienza che è discontinua, «epifanica», parziale e precaria, mentre è l’inconscio che è diffuso, pervasivo, ubiquitario e continuo”
(M. Manica, Spiweb)

La seconda cosa che notiamo: affinché si nasca “in coscienza” la relazione deve svilupparsi nella reciprocità

Pinocchio e il neonato possono vivere perché sono in una dimensione relazionale.  Se guardiamo alla relazione, a qualsiasi tipo di relazione, possiamo osservare due modalità di sviluppo: una relazione di dominio, in cui uno esercita il potere sull’altro, e a volte un potere assoluto. Oppure, una relazione che si sviluppa con reciprocità: i soggetti si riconoscono (con gradi diversi) e si rispettano nelle diverse posizioni, mente e corpo.

E come dice, con altre parole, la coscienza-Grillo parlante al nostro Pinocchio: quelli che non rispettano l’altro – il genitore in questo caso – “non avranno mai bene in questo mondo; e prima o poi dovranno pentirsene amaramente”. Perderanno la condizione di essere umano, ridotti invece ad animali inconsapevoli di sé.  E la medesima cosa accade a chi tratta se stesso come mezzo di divertimento dimenticando ogni prospettiva di futuro.

Ciò che la coscienza dice è che la persona, sin dalla nascita, ha bisogno di buone relazioni con gli altri. E ce lo sussurra non soltanto dalla nascita, ma lungo tutta la nostra vita, visto che potremmo definire la coscienza come la risonanza che la relazione con gli altri ha dentro di noi: un pensiero riflessivo sull’effetto delle reciproche manifestazioni.

 Un ingrediente per far entrare e sopravvivere la coscienza dentro di sé è il silenzio (come in una buona seduta di psicoterapia… o in buoni momenti di convivenza familiare)

Torniamo a Pinocchio: “Giunto dinanzi a casa – scrive Collodi – Pinocchio trovò l’uscio di strada socchiuso. Lo spinse, entrò dentro, e appena ebbe messo tanto di paletto, si gettò a sedere per terra, lasciando andare un gran sospirone di contentezza. Ma quella contentezza durò poco, perché sentì nella stanza qualcuno che fece: – Crì -crì -crì!”

Pinocchio entra in una casa silenziosa. Anche lui sta in silenzio. Ed è proprio il silenzio ciò che gli consente di sentire il piccolo Cri-cri-cri del Grillo. È proprio il silenzio che gli consente di sentire la voce della coscienza. Perché se la voce della coscienza è una risonanza dell’essere in relazione, la risonanza ha bisogno di silenzio per farsi ascoltare: la risonanza della nota che vibra nell’aria alla fine del concerto la si sente se non è sepolta dagli applausi.

Allora si potrebbe dire che è proprio il frammentato e continuo brusio del mondo in cui siamo immersi a impedire l’ascolto di una nostra voce interna: una voce che ha bisogno di silenzio per emergere e che trova sempre più difficoltà a farsi ascoltare, sommersa com’è dal dominio di stimoli che ci inseguono, da una connessione con il tutto guadagnata in molti casi al prezzo di una disconnessione con noi stessi.

Clicca qui per leggere la prima parte dell’articolo